Donne e Gioco Online? Non Va Poi Così Bene...

Secondo uno studio, sono sempre meno le donne che amano giocare a poker online: tutte preferiscono i social network.

Una volta si diceva 'donne e motori, gioie e dolori'. Oggi potremmo coniare un nuovo motto: 'donne e gioco c'entrano poco'.

Almeno se diamo retta a uno studio condotto dall'Università di Bath, che ha stabilito come le donne siano molto più attratte dai social network che dal poker online, e come addirittura lo siano di più rispetto a quanto gli uomini non  amino sfidarsi a colpi di raise e bluff nelle poker room.

Secondo la ricerca, gli uomini sono più per il gioco d'azzardo, scommesse incluse, mentre le donne prediligono lo shopping, i viaggi e gli incontri, lasciando il poker online praticamente in fondo alla classifica delle attività alle quali dedicare un po' di tempo libero. Che ci crediate o no, l'Università di Bath ha impiegato una decina d'anni per effettuare queste analisi, prendendo a campione 500 studenti del primo anno, provenienti da sei diversi istituti.

Tutto per scoprire l'acqua calda, verrebbe da dire.

Apparentemente, con l'avvento dei social network si è ridotto ancora di più il numero di donne che vanno sul web per giocare a poker o a qualsiasi altro gioco da casino online. Un altro aspetto (stavolta interessante) emerso dalla ricerca universitaria è che l'età media in cui gli studenti iniziano a navigare su Internet si è abbassata a 11 anni, e che il mediamente il tempo passato online è di ben 3 ore al giorno.

Da qui a dire che non ci sono più esponenti del gentil sesso che giocano a poker online, per colpa di Facebook, Twitter, Tumblr, Instagram e chi più ne ha più ne metta, ce ne passa davvero tanto.

Ma la ricerca dell'Università di Bath non sembra poi così campata in aria, in realtà. Potreste appurarlo voi stessi, facendo un'analisi delle persone di sesso femminile che avete tra gli 'amici' di Facebook.

E non ci venite a dire che non avete neppure l'account, che non ci crediamo!

06-Jul-2012, 04:09


close GamblingPlanet.eu